EUROIMMUN ITALIA è lieta di comunicare la disponibilità dei seguenti nuovi prodotti per l’infettivologia:

– ELISA Coxiella burnetii Fase 1 (IgG; EI 217a-9601-1 G) e ELISA Anti-Coxiella burnetii Fase 2 (IgG o IgM; EI 217a-9601-2 G o M)
Il batterio Coxiella burnetii è l’agente eziologico della febbre Q, una zoonosi diffusa in tutto il mondo che viene trasmessa agli esseri umani in seguito a contatto diretto o indiretto con animali infetti o feci. La trasmissione potrebbe anche avvenire in conseguenza al consumo di prodotti lattiero-caseari non pastorizzati o al morso di zecche infette.
L’infezione da Coxiella burnetii può avere un decorso acuto (fase 2) o cronico (fase 1). I test EUROIMMUN AG permettono di rilevare la febbre Q sia acuta che cronica.
Ulteriori informazioni riguardanti la febbre Q potete trovarle a questo link: www.cdc.gov/qfever

– ELISA Anti-Strongyloides (IgG) (EI 2290-9601 G)
Il test EUROIMMUN Anti-Strongyloides ELISA (IgG) è utile per la diagnosi sierologica della strongiloidiasi, una malattia del tratto gastrointestinale causata da infezioni indotte da nematodi del genere Strongyloides. A seconda della gravità, l’infezione può portare a sintomi di polmonite (infiammazione polmonare, bronchite, ecc.). Le larve dei parassiti possono essere rilevate microscopicamente nelle feci e nelle secrezioni, ma questi metodi di rilevamento diretto sono poco sensibili, per questo motivo la ricerca degli anticorpi può garantire una diagnosi efficace a completamento della rilevazione diretta.

– ELISA Anti-Schistosoma (IgM) (EI 2300-9601 M)
La diagnosi sierologica della schistosomiasi (detta anche bilharziosi o distomatosi sanguigna) usando il test Anti-Schistosoma ELISA (IgM) è particolarmente importante per i viaggiatori che ritornano da aree endemiche. Nell’infezione primaria causata da Schistosoma ssp. la produzione di uova è spesso intermittente, e crea difficoltà nel rilevamento diretto dei parassiti (es. rilevazione delle uova nelle feci o nelle urine). La ricerca degli anticorpi, invece, consente una diagnosi affidabile della bilharziosi, anche durante il periodo di pre-incubazione che dura circa tre mesi.

I test sono validati per l’automazione con i nostri strumenti Analyzer I/ I 2P.

I collaboratori di zona sono a Sua completa disposizione per ulteriori approfondimenti relativamente al prodotto presentato.

Segui EUROIMMUN ITALIA anche sui social: